"Senza Titolo"

 

 

“Senza Titolo”

operetta in due atti

ispirata dalla poesia di Tommaso Campanella [1568/1639]

“Della Possenza Dell’Uomo”

 

libretto: Tommaso Campanella

messinscena: Stefano De Angelis e Lorenzo Lustri

scenografie: Marco Ieie

voci registrate: Claudio Torreggiani, Stefano De Angelis, Alessia Grimaldi

suoni e musiche: Stefano De Angelis

oggetti di scena e costumi: kukurukunst collective

 

in scena: Lorenzo Lustri

Stefano De Angelis

Alessia Grimaldi

Maria Diletta Attenni

Antonio Coluccio

 

direttore d’orchestra: Arturo Toscanini

coro: il pubblico

 

“istruzioni per l’uso”

è uno spettacolo interattivo, pertanto

si prega di fare molta attenzione alle istruzioni di seguito,

ne vade un lieto fine dello spettacolo:

 

ad un certo punto dello spettacolo vi verrà chiesto di intervenire,

nelle vesti del coro

[in quanto assente nell’ensamble ma presente nell’opera]

a recitare, tutti insieme contemporaneamente,

l’ultimo verso del testo

“della Possenza dell’Uomo” di Tommaso Campanella

nessuno vi dirà quando dovrete cominciare a “cantar”

lo capirete durante lo spettacolo…

quando saranno attivi nello stesso momento

due “segnali” quali flash fotografici e suono assordante di un antifurto…

allo spegnersi dell’antifurto VOI potrete cominciare a Recitare la vostra parte,

che è questa:

 

Pensa uomo, pensa, giubila ed esalta

La prima cagion alta, quella osserva,

Perch’a te serva ogn’altra sua fattura;

Seco ti unisca gentil fede pura,

E ‘l tuo canto del lor vada in più altura.

 

N.B.: da ripetere in loop finchè non si spengono le luci

 

       DELLA POSSANZA DELL’UOMO di Tommaso Campanella

  

Gloria a colui che tutto sape e puote,

   O Arte mia, nipote al Primo Senno!

   Fa qualche cenno di su’immagin bella

       Ch’uomo s’appella.

   Uomo s’appella, chi di fango nacque:

   Senza ingegno soggiacque inerme, ignudo:

   Patrigno crudo a lui parve il primo Ente,

       D’altri parente.

   D’altri parente, a’ cui nati diè forza

   Bastante, industria, scorza pelo e squame:

   Vincon la fame, han corso, artiglio e corno

       Contra ogni scorno.

   Ma ad ogni scorno l’uomo cede e plora;

   Del suo saper vien l’ora troppo tarda;

   Ma sì gagliarda, chè del basso mondo

       Par Dio secondo.

   E Dio secondo miracol del primo.

   Egli comanda all’imo, e ‘n ciel sormonta

   Senz’ali, e contra i suoi moti e misure,

       E le nature.

   Sa le nature delle stelle e ‘l nome:

   Perch’altra ha le chiome, ed altra è calva;

   Chi strugge, o salva, e pur quando l’eclisse

       A lor venisse.

   Quando venisse all’aria, all’acqua, all’humo,

   Il vento e ‘l mar ha domo, e ‘l terren globo

   Con legno gobbo accerchia; vince e vede,

       Merca e fa prede.

   Merca e fa prede; a lui poca è una terra.

   Tuona qual Giove in guerra un nato inerme;

   Porta sue inferme membra, e sottogiace

       Cavallo audace.

   Cavallo audace e possente elefante:

   Piega il leon innante a lui il ginocchio.

   Già tirò il cocchio del roman guerriero,

       Ardir ben fiero!

   Ogni ardir fiero ed ogni astuzia abbatte,

   Con lor s’orna e combatte, s’arma e corre.

   Giardino, torre, e gran città compone,

       E leggi pone.

   Ei leggi pone come un Dio: egli astuto

   Ha dato al cuoio muto ed alle carte

   Di parlar arte: e che i tempi distingua

       Dà al rame lingua.

   Dà al rame lingua, perch’ha divina alma.

   La scimia e l’orso han palma, e non sì industre,

   Che ‘l fuoco illustre maneggiasse: ei solo

       Si alzò a tal volo.

   S’alzò a tal volo e dal pianeta il tolse;

   Con questo i monti sciolse, ammazza il ferro;

   Accende un cerro, e se ne scalda e cuoce

       Vivanda atroce.

   Vivanda atroce d’animai che guasta:

   Latte ed acqua non basta, ogn’erba e seme

   Per lui; ma preme l’uve, e ne fa vino,

        Liquor divino.

   Liquor divino, che gli animi allegra.

   Con sale ed olio integra il cibo, e sana,

   Fà alla sua tana giorno quado è notte,

        O leggi rotte!

   O leggi rotte! ch’un sol verme sia

   Re, epilogo, armonia, fin d’ogni cosa:

   O virtù ascosa, di tua gloria propia

        Pur gli fai copia.

   Pur gli fai copia, se altri avviva il morto,

   Passa altri (e non è assorto) l’Eritreo; 

   Canta Eliseo il futuro. Elia sen vola

       Alla tua scuola.

   Alla tua scuola Paolo ascende, e trova

   Con manifesta prova Cristo a destra

   Della maestra Potestade immensa,

        Pensa, uomo, pensa!

   Pensa, uomo, pensa, giubila ed esalta

   La prima cagion alta, quella osserva,

   Perch’a te serva ogn’altra sua fattura;

   Seco ti unisca gentil fede pura,

   E ‘l tuo canto del lor vada in più altura.

 

This history is a part of an history more long, and we choose these because are almost near to concept of “patafisica”

 

“La Formica e la Radice” anche detta “il Verde e il Rosso”

tratto dal libro IV del decalogo del prof. Van Der F [patafisico], ancora da scrivere

 

Una formica gigante vola sopra di un paesaggio che, prima del suo arrivo, non aveva permesso a nessun altro di godere dei propri frutti.

 

La formica, forte del fatto che avrebbe potuto volare via in ogni momento, nel caso ci fossero stati pericoli, si adagiò sul delizioso suolo e cominciò ad approfittare di tutte le sue allettanti delizie,

 

in particolare c’era una strana radice, col corpo verde e le estremità rosso,

 

la formica, accecata da tale bellezza cominciò a mordicchiare e succhiare tutte le parti in rosso, che erano le più facili da cogliere,

 

il rosso delresto è anche un colore vivo,

 

così la formica non esitò e mangiò tutte le estremità della radice, lasciando questa senza alcuna traccia del rosso.

 

La radice non era più bella e attraente, e la formica, ormai sazia si era accasciata al fianco di essa.

 

Al suo risveglio era buio, la formica non vedeva più la radice, ormai cofusasi con tutte le altre creature tutte più o meno verde, e pensando che nel tempo del suo riposo qualcuno avesse preso la radice, decise di volare via…

 

Aveva 6zampe, 4 ali

…e 2 antenne per capire a che altezza doveva volare per sfuggire agli attacchi dei gatti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...